Mutui Inpdap 2017: Cosa Sono e a Chi Sono Destinati

 

In quest’era di difficoltà e pressioni economiche uno dei metodi per poter avere liquidità e fondi necessari per affrontare spese importanti come l’acquisto di una casa l’unica soluzione, se non quella migliore, è il mutuo. Per tutti i dipendenti pubblici, la soluzione migliore sono i prestiti e mutui Inpdap.

L’Inpdap, che in sostanza è l’abbreviazone di Istituto Nazionale Previdenza Dipendenti Pubblica Amministrazione, fino al 2011 si è occupato di tutte le operazioni di liquidazione per i dipendenti pubblici. Dal 2011 non esiste più, ma viene indicato come ex-Inpdap e tutte le sue funzioni sono passate all’Inps. Attualmente questo ente, Inps, si occupa di una numerosa lista di servizi, tra i tanti anche quello di offrire prestiti agevolati di vario tipo e mutui, ai dipendenti pubblici, ma anche per coloro che sono già in pensione.

 

Mutui Inpdap Dipendenti Pubblici: Chi Sono i Beneficiari?

 

I mutui Inpdap sono destinati ai dipendenti e pensionati pubblici. Possono essere richiesti per l’acquisto o la costruzione della prima casa, per tutte le operazioni che coinvolgono la casa di proprietà, come la ristrutturazione, l’ampliamento e operazioni simili, ma anche per la costruzione o l’acquisto di un garage per l’auto.
Non sarà possibile richiedere il mutuo per una seconda casa, i mutui Inpdap sono destinati solo per le operazioni della prima ed unica casa di residenza.

 

Indpap Mutui Casa 2017: Durata e Cifre Disponibili

 

La cifra da poter richiedere ha una soglia massima di 300,000 euro, nel caso sia destinata all’acquisto della prima casa. Quando si tratta di operazioni di ampliamento, ristrutturazione o altre operazioni del genere, la cifra massima prevista è di 150,000 euro, ma in linea generale non oltre il 40% del valore della casa. Per quanto riguarda invece l’acquisto o la costruzione dei box la cifra massima è 75,000 euro.

La durata minima del mutuo è di 10 anni per un massimo di 30 anni. Quando a richiedere il mutuo l’età è quella dei 65 compiuti la durata massima del mutuo scende dai 30 anni ai 15 anni.

 

Tassi Mutui Inpdap 2017

 

I tassi previsti per i Mutui Inpdap non sono eccessivamente elevati, anzi sono bassi proprio per agevolare quanto più possibile i dipendenti pubblici. Generalmente altri creditori di mutui prevedono un tasso che si avvicina al 10% e altri che vanno anche oltre. Il mutuo Inpdap prevede un tasso del 2,95% nel caso di un mutuo a tasso fisso.

 

Mutuo Inps ex Inpdap: Come Richiederlo

 

Quando si rientra nei requisiti fondamentali, è possibile fare la richiesta per avere il mutuo Inpdap. La richiesta è telematizzata e non può essere fatta ogni giorno, ma ci sono delle date specifiche che possono essere visionate sul sito dell’Inps, lo stesso sito dove avviene anche la richiesta. Per fare la richiesta sono necessari questi moduli da riempire totalmente, senza tralasciare niente o sbagliare. Una volta fatta richiesta l’ente prenderà visione e deciderà se concedere il mutuo. In caso di pochi fondi disponibili, ci saranno graduatorie che indicheranno la lista, che viene decretata in base a vari requisiti. Per tutte le informazioni specifiche e per procedere alla richiesta o visionare le graduatorie basta collegarsi a Inps.it.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.